A Gualdo Frate Indovino e la farmacia comunale diventa un piccolo museo

Su un elegante sfondo in verde veronese sono state ‘appoggiate’ delle gigantografie

A Gualdo Tadino la farmacia comunale diventa un piccolo museo Gualdo Tadino, 27 dic. – Oltre al grande Presepio emozionale presente a Gualdo Tadino fino al 15 gennaio, continua l’attività collaborativa tra l’amministrazione comunale della città e le Edizioni Frate Indovino dei Frati Francescani Cappuccini di Assisi. Insieme, infatti, hanno inteso rendere omaggio a uno dei più insigni erboristi del XVI secolo, Castore Durante. Alle soglie del 2017, anno in cui ricorre il 450esimo anniversario della laurea universitaria in Medicina dell’insigne botanico gualdese, sono state allestite a tema tutte le vetrine della Farmacia comunale di piazza Giuseppe Mazzini. Su un elegante sfondo in verde veronese sono state ‘appoggiate’ delle gigantografie tratte dal volume a stampa Herbario Novo, nella seconda edizione, datata 1602, realizzata dal tipografo-editore veneziano Sessa. Una pubblicazione tradotta in molte lingue e riferimento per le corti europee del tempo.

La casa editrice Frate Indovino sottolinea, con la realizzazione di un piccolo museo in vetrina, “l’importanza di ricordare l’apporto offerto agli studi erboristici dal Durante, soprattutto in considerazione a quanto le sue pubblicazioni hanno inciso e condizionato la manifattura e la calibrazione delle tisane, delle pomate, dei cataplasmi e degli altri elaborati che per secoli sono stati alla base di rimedi fitoterapici utilizzati nei conventi cappuccini”.

“Anche l’attuale produzione erboristica della linea Herbae Sanitatis di Frate Indovino – hanno spiegato i frati – è profondamente radicata in quella tradizione e ci è sembrato doveroso ricordare come, per incedere incontro a un futuro indirizzato ‘al naturale’, è obbligatorio volgere lo sguardo al passato. Anche il ‘come’ si assumevano, ad esempio, le tisane stesse è importante. Per questo ci rivolgiamo all’artigianato gualdese al fine di confezionare tisaniere finalizzate, nella forma e nelle dimensioni, allo scopo.

Questo affinché esse siano realizzate in conformità alla massima resa, con ceramiche particolarmente ricche di speciali sostanze minerali presenti nelle argille. Ciò per il raggiungimento di specifiche qualità strutturali e termoisolanti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*