Ceri di Gubbio, sindaco, renderemo un solenne omaggio al nostro patrono

 
Chiama o scrivi in redazione


Alzata dei Ceri a Gubbio, 14 persone in ospedale a Branca

Ceri di Gubbio, sindaco, renderemo un solenne omaggio al nostro patrono

dal Sindaco di Gubbio, Filippo Mario Stirati
Con la consapevolezza di vivere un momento storico eccezionale a livello planetario ed essere soggetti a privazioni di libertà personali e di comunità proprie dell’attuale stato di necessità, il Sindaco di Gubbio, il Vescovo ed il tavolo dei Ceri condividono con la comunità eugubina il lavoro che si sta conducendo passo dopo passo.

Le Istituzioni e le componenti ceraiole si fanno interpreti sensibili di riflessioni ed indicazioni provenienti dal vasto e ricco mondo dei ceraioli, ponendosi in ascolto di quanto sta emergendo nella storia inedita e straordinaria che stiamo vivendo. L’unico obiettivo del  lavoro in corso è far sì che i prossimi 15 e 16 Maggio siano caratterizzati da un corale, solenne e vissuto omaggio a S. Ubaldo.

Se da una parte il decreto adottato in data odierna dal  Sindaco di Gubbio in qualità di primo responsabile dell’ordine pubblico e della sicurezza, impedisce di vivere la massima espressione civica di tributo al Patrono cioè la  Festa e Corsa dei Ceri, dall’altra non possiamo privarci di vivere nel cuore e nei segni che saranno possibili  un momento di profondo raccoglimento, riflessione e devozione a S. Ubaldo.

Oggi come non mai, è essenziale che la comunità eugubina abbia una storica possibilità di riscoprire le radici della Festa intesa come supremo omaggio al suo “defensor civitatis”.

Con questo sentimento di ringraziamento, si ritiene che si debba lavorare per presentare atti di devozione autentici e sentiti che comprendano momenti religiosi solenni ed altri segni di tributo civico che sarà possibile organizzare senza intaccare la tradizione e la storia della Festa dei Ceri.

Infatti la nostra Festa è unica come rito, unica come spirito e non replicabile in forme riadattate o convertite.

Il continuo confronto con la Diocesi di Gubbio e le componenti ceraiole da parte del Sindaco non va infatti nella direzione di trovare una surroga o una festa supplente al rito festivo che da secoli Gubbio dona a S. Ubaldo.

Non è possibile evitare il divieto di assembramento ed il distanziamento sociale visto che anche dopo il 3 Maggio sarà obbligatorio.

Stiamo verificando, gesto per gesto, le iniziative che Gubbio potrà compiere per rendere solenne ed aulica l‘offerta a S. Ubaldo.

Con la premura di evitare la parcellizzazione della festa con azioni  fuori contesto e di far perdere solennità ed esclusività al secolare rito festivo, si sta esaminando ogni segno che può essere fatto in base alle norme vigenti di  un quadro emergenziale che ricordo è mondiale.

In maniera corale e sinergica si sta  approfondendo ed ipotizzando la possibilità di imbandierare la città, di far suonare il Campanone, di portare un simbolico saluto ai ceraioli defunti e presso  il Mausoleo dei 40 Martiri ed altre azioni civili e religiose che la storia ci ha consegnato e che nel tempo sono state offuscate dal ritmo incalzante dell’era moderna quali, ad esempio, un tributo di luminarie che coinvolga la città in maniera omogenea ed ordinata.

Non avremo la Festa dei Ceri nel 2020, non ci sono belle o brutte copie da poter mettere in campo né forme sintetiche o essenziali da adottare ma c’è lo spirito di devozione e rispetto a S.Ubaldo che va alimentato attraverso una città vestita a festa e desiderosa di raccogliersi intorno al Suo Patrono per il quale vive un anno  in un giorno.

Si auspica pertanto che il 15 ed il 16 Maggio diventino una tappa essenziale della storia eugubina capace di raccogliere  la possibilità di entrare in profondità nelle radici della Festa e di dare ancora più importanza al perché si festeggia con allegrezza e non al come lo si fa.

Con questo spirito è stata accolta con entusiasmo la ferma volontà del Vescovo di confermare gli appuntamenti religiosi tradizionali e più sentiti quali la Novena ed il Pontificale che saranno organizzati e condivisi nelle forme possibili, oltre ad altri segni profondi che la Diocesi sta proponendo al “tavolo dei Ceri”. Non ci faremo trovare impreparati di fronte ad un passaggio storico. Dalle ceneri di una scelta sofferta e triste usciremo più forti in termini di identità e comunità.

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*