Palestina, concluso il progetto cofinanziato dal Comune di Gubbio

Palestina, concluso il progetto cofinanziato dal Comune di Gubbio

Chiuso a Ramallah con la consegna degli ultimi attestati di abilitazione all’insegnamento in materia di sicurezza sul lavoro. L’assessore Minelli: “Iniziativa importante che ha permesso di rafforzare il rapporto di cooperazione tra i due Paesi”

Una delegazione dall’Italia, formata da rappresentati del Comune di Gubbio, dell’ANCE e del CESF di Perugia, ha partecipato giovedì scorso alla manifestazione conclusiva di Safebuilder, il progetto di cooperazione internazionale allo sviluppo cofinaziato dal Comune di Gubbio, tenutasi nella sede del Trainig Safety Center di Ramallah.


Ufficio stampa comune di Gubbio


Proprio il luogo scelto per l’evento, nel quale si stava concludendo l’ultimo ciclo dei corsi di formazione per la sicurezza dei lavoratori nel settore dell’edilizia, è stato segnalato da tutti gli intervenuti come il simbolo del pieno successo del progetto. “Dopo un  lavoro durato oltre quattro anni, che neanche la pandemia ha interrotto – ha sottolineato il Console Generale d’Italia a Gerusalemme, Giuseppe Fedele – il fatto di trovarci insieme qui, con aule, laboratorio didattico e cantiere scuola  attrezzati e funzionanti a consegnare gli attestati di abilitazione all’insegnamento a sette nuovi formatori, testimonia il successo di un progetto che permetterà di affrontare  efficacemente anche in Palestina la sfida decisiva della sicurezza nei luoghi di lavoro”. Un bilancio positivo al quale hanno fatto riferimento i numerosi  rappresentanti dei partner italiani e palestinesi del progetto presenti alla manifestazione. Arrivati dall’Italia, erano tra gli altri a Ramallah, il presidente dell’ANCE di Perugia Moreno Spaccia, il Vice Presidente e la direttrice del CESF, Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione di Perugia Stefano Paloni e Cristiana Bartolucci e per il Comune di Gubbio il dirigente Raoul Caldarelli e l’assessora Simona Minelli.

L’assessora Minelli, portando il saluto del sindaco Filippo Stirati e di tutta l’amministrazione comunale, si è detta “particolarmente soddifatta dei risultati ottenuti  dall’intervento di cooperazione internazionale sostenuto anche dal Comune di Gubbio. Per la nostra città si è trattato di una iniziativa  molto importante, che ci ha permesso di rafforzare il rapporto di cooperazione e di amicizia tra i nostri due popoli e di consolidare la nostra volontà di contribuire al percorso di costruzione dello Stato di Palestina. Questo progetto – ha proseguito l’assessora –  ci ha permesso di condividere con gli operatori palestinesi l’esperienza e l’abilità delle nostre maestranze nella lavorazione e nel restauro della pietra, accumulata nei secoli dai muratori e scalpellini. Discutere di cooperazione internazionale oggi è ancora più difficile – ha concluso Minelli – come lo è decidere di spostare risorse oltre i confini dei propri territori. Ma, di fronte ai risulati concreti che abbiamo ottenuto, non possiamo non provare ad aprire la prospettiva a nuovi interventi. In questa direzione andrà adesso il lavoro del Comune di Gubbio, nel tentativo di proseguire a lavorare insieme a tutti i partner conosciuti in questo progetto”. La manifestazione si è conclusa con la consegna degli attestati ai nuovi formatori e la consegna delle targhe a ricordo.

I principali risultati conseguiti dal progetto:

  • Allestimento, dotazione di attrezzature e materiali e attivazione, a Ramallah, della sede (aule didattiche, laboratori e cantiere scula) del primo Training Safety Center -TSC in Palestina.
  • Abilitazione all’insegnamento, in materia di sicurezza sul lavoro nel settore delle costruzioni, di 14 formatori locali per TSC, sottoposti a corsi di aggiornamento periodici,
  • Elaborazione di programmi e materiale didattico, digitale e cartaceo, in lingua araba, da impegare in corsi riguardanti quattro diversi livelli di formazione per la sicurezza sui luoghi di lavoro nel settore delle costruzioni.
  • Elaborazione del programma di formazione e del materiale informativo per le aziende e i lavoratori nel settore delle costruzioni per la prevenzione della diffusione del COVID 19.
  • Erogazione, con cadenza mensile, di corsi di formazione a Ramallah e nelle principali città della West Bank, secondo gli standard EU-OSHA.
  • Erogazione di corsi di formazione in collaborazione con ILO, per  il Ministero del Lavoro Palestinese, per l’Associazione degli ingegneri di Beirut, per le Associazioni dei costruttori e degli ingegneri a Gaza.
  • Abilitazione di 420 responsabili della sicurezza nei cantieri edili.

 

 

 

 

 

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*