A Gualdo Tadino il Natale è stato più grande, continua il Presepio Emozionale

Fino al 15 gennaio, festa patronale, sarà possibile ammirare presso la Chiesa di San Francesco il Presepio Emozionale e presso la Rocca Flea

A Gualdo Tadino il Natale è stato più grande, continua il Presepio Emozionale

GUALDO TADINO – Con l’Epifania si è conclusa la ricca programmazione legata alle festività natalizie. Complice una giornata quasi primaverile e le tante iniziative di qualità messe in campo, la città di Gualdo Tadino è stata presa letteralmente d’assalto da cittadini, turisti, grandi e piccoli, tutti con il naso all’insù ad ammirare la Befana dei Vigili del Fuoco, con il supporto della Croce Rossa, calarsi dalla Torre Civica in Piazza Martiri della Libertà.

Grazie alla sinergia tra Comune di Gualdo Tadino, le associazioni culturali, i commercianti del centro storico, gli sponsor che hanno creduto nelle progettualità ed il Polo Museale, la città ha saputo essere attrattiva nei confronti di un pubblico numeroso e diversificato: dall’Umbria, dal Lazio, dalla Toscana, dall’Emilia Romagna e dalla Lombardia, le regioni prevalenti da cui si sono registrate le massime presenze.

Di forte attrazione il Presepe Emozionale di Frate Indovino ed il suggestivo Presepe Vivente “Venite Adoremus” organizzato magistralmente dall’Associazione Capezza. Ancora la Casa della Befana, la pista di pattinaggio e il circuito museale, hanno fatto sì che tutto abbia funzionato, con un’offerta adatta a tutti i tipi di pubblico. Fino al 15 gennaio, festa patronale, sarà possibile ammirare presso la Chiesa di San Francesco il Presepio Emozionale e presso la Rocca Flea, per tutti gli appassionati di ceramica, la Mostra Concorso Internazionale “Acqua, meraviglia della terra” con 133 artisti provenienti da tutto il mondo.

“Esprimo profonda soddisfazione”, ha dichiarato il primo cittadino Massimiliano Presciutti, “per l’andamento delle festività natalizie, che hanno visto in città un pubblico numeroso. Merito di tutti coloro che hanno creduto nei progetti messi in campo, la dimostrazione che la sinergia e la collaborazione reciproca tra enti e attività diverse, rappresenta sempre una carta vincente”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*