Dopo anni di comportamenti incivili è stata ripulita la discarica abusiva del sito di Palombara

Operazioni durate circa due mesi

E’ tornata finalmente pulita e fruibile l’area di Palombara a Gualdo Tadino, utilizzata impropriamente da diversi anni da cittadini incivili per scarichi abusivi di varie tipologie di rifiuti. L’impegno dell’Amministrazione Comunale, che ha affidato alla ditta Frondizi Walter i lavori di ripulitura, trasporto e smaltimento rifiuti ha consentito di riportare la zona in condizioni accettabili.

Operazioni durate circa due mesi (dal 27.06.2016 al 05.09.2016) che nella giornata di venerdì 9 settembre sono state presentate ufficialmente con una conferenza stampa indetta nel sito di Palombara dal Sindaco Massimiliano Presciutti e dall’Assessore all’Ambiente Michela Mischianti.

“Quest’oggi restituiamo a Gualdo Tadino – ha sottolineato il Sindaco Presciutti – un’area pulita che fino a poco tempo fa era una discarica abusiva. I cittadini ci avevano segnalato la situazione critica del sito di Palombara sollecitando un intervento e noi, accogliendo la loro richiesta siamo riusciti, grazie al lavoro di Forestale, Arpa, Uffici Comunali in tempi brevi a ripulire l’intera zona. Ora il sito di Palombara è finalmente pulito e l’obiettivo e far si che così rimanga anche in futuro. Quest’area sarà nei prossimi giorni perimetrata per far si che nessuno possa entrare liberamente. Richiamiamo ovviamente i cittadini ad utilizzare il loro senso civico in tema di rifiuti. Esistono dei servizi gratuiti a loro disposizioni come l’isola ecologica, il ritiro degli ingombranti a domicilio, ecc. che possono e devono essere usati da tutti. Il comportamento scorretto di questi cittadini incivili, solo per la ripulitura dell’area di Palombara, è costato a tutta la comunità gualdese circa 30.000 €. Soldi che avremmo certamente preferito destinare ad altri interventi”.

Per capire l’importanza del lavoro svolto e della quantità immane di rifiuti che erano presenti nell’area suddetta, questi alcuni dati:

Superficie interessata: circa 4 ettari

Rifiuti rimossi:

  • circa 780 quintali di rifiuti misti (costituiti da carcasse di elettrodomestici, carcasse di mobili, ingombranti vari, materassi, plastica, residui di lavorazione di carrozzeria, plastica, vetro, ecc.;
  • circa 450 quintali di macerie da demolizione.
  • circa 120 quintali di legno e scarti vegetali
  • circa 20 quintali di pneumatici;
  • circa 20 quintali di ferro;
  • circa 400 quintali di terra mista a rifiuti di vario genere;
  • frammenti di eternit;
  • Batterie automobili;

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*