Scuole, Notte Nazionale del Liceo Classico a Gubbio

Presidente Marini: “Una scuola che serve ad affrontare il futuro”

Scuole, Notte Nazionale del Liceo Classico a Gubbio GUBBIO – “Da ex liceale non mi sono mai pentita di aver frequentato il Liceo Classico perché è una scuola  che  serve al presente e offre  gli strumenti per  affrontare il futuro, una scuola che mi ha lasciato segni importanti che ho riutilizzato nel corso della mia vita”: lo ha detto la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini intervenendo, al Polo Liceale “G. Mazzatinti” di Gubbio,  alla terza edizione della “Notte nazionale del Liceo classico” che si svolge contemporaneamente in altri 388 Licei italiani. L’iniziativa, promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca a sostegno degli studi classici e umanistici,  prevede una vera e propria maratona di interventi ed iniziative in cui, accanto a ospiti di prestigio, emerge il protagonismo degli studenti: musica, danza  e recitazione tutti ispirati, nel liceo eugubino, al tema del “ridere nel mondo antico e oggi”.

Nel portare il proprio saluto agli studenti, ai docenti ed al personale della scuola  – presenti tra gli altri il sindaco di Gubbio, Filippo Mario Stirati, la Dirigente scolastica,  Maria Marinangeli e il giornalista Alessio Zucchini –  la presidente Marini ha detto che “il Liceo Classico non offre solo un bagaglio di formazione e conoscenza, ma la capacità di analisi, riflessione, sintesi, dialogo, confronto  e,  soprattutto un  metodo di studio per affrontare anche discipline lontane  da quelle prettamente umanistiche.   Come presidente di Regione – ha aggiunto Marini –  ringrazio i cinque Licei dell’Umbria che stanno aderendo a questa iniziativa, sperando che anche il loro impegno possa contribuire ad invertire la tendenza della costante diminuzione di iscrizione a questi istituti. La notte del Liceo – ha concluso la presidente –  è un momento dove ricordiamo la storia e la cultura, ma anche un momento di riflessione su una scuola che continua a fornire istruzione e formazione”.

“Questo –  ha detto la dirigente Marinangeli – è il terzo anno della Notte nazionale, una iniziativa su cui abbiamo scommesso sin dall’inizio. Siamo il Liceo umbro che ha fatto tutte e tre le annualità ed abbiamo prestato il  nostro format anche ad altri colleghi dell’Umbria, un format  – ha proseguito –  che si è dimostrato di successo. Ringrazio i ragazzi e quanti si sono impegnati per la riuscita di questa serata che abbiamo voluto dedicare ad un tema  leggero, quello della  risata”.

“Il tema della risata – ha detto il sindaco di Gubbio Stirati – è un tema straordinario ed importante nella classicità e nella contemporaneità. Anche il senso della storia, il tempo, il senso della cultura sono uno degli elementi caratterizzanti del latino e della latinità. Web e Twitter in questo contesto non possono bastare, abbiamo bisogno del latino ed anche del greco. Il destino del Classico è un tema che mi sta a cuore, perché oggi la cultura classica non gode di una rosea situazione, ma ancora oggi ha tanto da proiettare nel futuro perché i classici sono i contemporanei del futuro”.

L’iniziativa è proseguita con la “lectio magistralis”  di Donato Loscalzo, docente di Letteratura greca all’Uuniversità di Perugia, su “Ridere in Grecia”. A seguire le performance  degli studenti tra allestimenti, musica, arte, gastronomia, attività sportive e giochi con l’associazione Alkimia, fino alla donazione di alcune copie di libri di pregio da parte dell’associazione “Unaluna” e la presentazione della rivista dell’Istituto, “Invio”. La notte bianca si concluderà a mezzanotte quando, in contemporanea con i loro compagni di tutta Italia, i liceali del “Mazzatinti” reciteranno il “Lamento di Danae” di Simonide di Ceo. Nel corso della serata, la segreteria didattica è rimasta a disposizione delle famiglie per le informazioni necessarie alle iscrizioni e per effettuare la registrazione

 

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*