Smacchi Pd, a quando ripresa lavori sulla Pian d’Assino

Smacchi Pd, a quando ripresa lavori sulla Pian d’Assino

Smacchi Pd, a quando ripresa lavori sulla Pian d’Assino Il consigliere del Partito democratico Andrea Smacchi annuncia di aver presentato un’interrogazione alla Giunta regionale per “conoscere i tempi di sblocco dei cantieri della Pian D’Assino (tratto Mocaiana-bivio Pietralunga), oltre che quelli per la realizzazione di sistemi tutor per il rilevamento della velocità al fine di rendere sicuro il tratto di strada Branca – Mocaiana della Pian D’Assino”.

“Il 24 luglio scorso – spiega Smacchi – l’assessore Chianella ha risposto ad una mia interrogazione a risposta immediata dichiarando che la procedura viene gestita direttamente da Anas, che ha provveduto a trasmettere al ministero dell’Ambiente l’istanza per la verifica dell’assoggettabilità, necessaria alla ripresa dei lavori.

Avevo chiesto alla Regione di essere particolarmente attenta nel monitoraggio e nella verifica dell’intero iter, anche perché le attese e le aspettative rispetto a quel tratto di strada sono particolarmente forti in tutta la comunità e sul progetto di completamento della variante della Pian d’Assino, riguardante il tratto di quattro chilometri Mocaiana-Bivio di Pietralunga, sono stati stanziati circa 76 milioni di euro, che sono fermi da quasi due anni”.

“Lo spirito di questa nuova interrogazione – prosegue Andrea Smacchi – è quello di capire cosa sta succedendo e se chi ha delle responsabilità si rende conto che per quel territorio quella strada è vitale, non soltanto per la sicurezza, ma anche per la ripresa economica dell’intero territorio.

La statale 219 Pian d’Assino è un tratto di estrema importanza per l’Umbria poiché garantisce un collegamento veloce con la Perugia – Ancona e con la E 45. Sarebbe anche importante conoscere i tempi necessari per l’installazione di sistemi tutor di rilevazione della velocità sul tratto della variante che va da Branca a Mocaiana, che serviranno da deterrente importante anche a seguito dei recenti e spesso purtroppo tragici fatti di cronaca che hanno interessato le nostre strade, specialmente quelle veloci a due corsie”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*