Scatta l’ordinanza Anti alcol in centro a Gualdo Tadino

Minorenne in coma, denunciata barista di Sigillo

Scatta l’ordinanza Anti alcol in centro a Gualdo Tadino

Nell’ambito della strategia di contrasto a fenomeni come atti vandalici, alcolismo minorile e schiamazzi notturni nell’area del Centro Storico di Gualdo Tadino, zona che nell’ultimo periodo ha visto diversi spiacevoli episodi, l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Massimiliano Presciutti ha emanato l’ordinanza N° 82 “divieto di vendita per asporto di bevande in bottiglie di vetro o lattine nel centro storico e vie limitrofe. Limitazioni alla Vendita di alcolici e superalcolici. Limitazioni emissione Sonore” che mira ad arginare tali problematiche e che sarà attiva da oggi fino al 31 dicembre 2019.

Rilevato che:

nel centro storico, durante il periodo estivo in generale ed – in particolare in concomitanza con eventi,rappresentazioni, attività folcloristiche o storiche come “I Giochi de le Porte”, si registrano ripetuti episodi di disturbo della quiete, inquinamento acustico, specialmente nelle ore serali e notturne, concentrati soprattutto attorno ai pubblici esercizi, a taverne, ad attività artigianali; che molti giovani si trattengono nelle ore serali e notturne consumando buone quantità di sostanza alcoliche e che tale eccessivo consumo di alcol causa molto spesso episodi di danneggiamento che non a caso si registrano in particolar modo nelle ore serali/notturne; che tale abuso di alcol è sovente accompagnato dall’abbandono sul suolo pubblico di vetri ed altri contenitori di bevande spesso rotti che creano pericolo per la sicurezza delle persone tutte; che le bevande spesso specie nella stagione estiva, vengono consumate generalmente negli spazi esterni degli esercizi e successivamente abbandonati senza alcun riguardo costituendo, come già detto, qualora rotti, fonte di pericolo per i soggetti che abitano in quei luoghi e/o vi transitano; che quanto sopra oltre ad essere fonte di pericolo è anche fonte di degrado che incide pesantemente sulla viabilità e sulla convivenza civile, in quanto la gente che si trova a vivere o solamente a passare per detti vicoli, sente compromessa la propria libertà nell’utilizzo degli spazi pubblici; che anche le emissioni sonore diffuse fino a tarda ora provenienti dai vari esercizi pubblici contribuiscono a determinare una sensazione di forte disagio tra la popolazione residente; che il Sindaco nella seduta del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica riunitosi presso la sede della Prefettura in data 18 u.s. ha ulteriormente ribadito le problematiche sopra espresse chiedendo contestualmente un sostegno da parte degli altri organi di Polizia alla Polizia Locale già impegnata nell’affrontare tali problemi;

Considerato che:

la situazione sopra descritta configura l’ipotesi di degrado – e di necessità di intervento di cui al DM. 5 agosto 2008, art. 2 lett. B); che risulta necessario provvedere ad eliminare gli inconvenienti sopra descritti

anche al fine di evitare possibili pericoli per le persone che frequentano gli spazi pubblici, nonché per evitare il disturbo alla pubblica quiete ed al sonno degli abitanti della città in particolar modo del centro storico, con effetti negativi di ordine fisico e psichico che si ripercuotono nella vita lavorativa e sociale

Si ordina:

1-Al fine di assicurare le esigenze di tutela della pubblica incolumità dei cittadini, nonché della tranquillità dei residenti del centro storico, come meglio definito nei piani di commercio, è fatto divieto a decorrere dalle ore 20.00 e fino alle ore 6.00 del giorno successivo: agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e di commercio – in sede fissa e/o ambulante su aree pubbliche, nonché alle attività artigianali di vendere e comunque di distribuire, a qualsiasi titolo, per asporto, bevande in contenitori/bicchieri di vetro e/o lattine;

– è fatto divieto inoltre, a chiunque, di consumare in luogo pubblico bevande contenute in bottiglie di vetro e/o lattine;

2 agli esercizi di cui al punto 1 è fatto divieto di somministrare superalcolici dalle ore 21.00, mentre la vendita e somministrazione degli alcolici dovrà cessare alle ore 01.00. Le emissioni sonore dovranno cessare alle ore 24.00;

  1. La presente ordinanza entra in vigore contestualmente alla notifica dell’atto agli esercizi sopra meglio definiti ed ha efficacia fino 31/12/2019;

4 L’inottemperanza alla presente ordinanza comporterà la sanzione amministrativa di cui all’articolo 7-bis, comma 1-bis, del Testo Unico approvato con Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n.267, e ss.mm.ii. da euro 150,00 (centocinquanta/00) ad euro 500,00 (cinquecento/00), è ammesso il pagamento in misura ridotta ai sensi dell’art.16 della Legge 689/1981;

Il Corpo di Polizia Locale e gli agenti della forza pubblica sono incaricati di vigilare sulla corretta osservanza del presente provvedimento.

“Questo non è – sottolinea il Sindaco Massimiliano Presciutti – che il primo di una serie di provvedimenti tesi a tutelare l’ordine pubblico e a salvaguardare i nostri giovani, poiché il consumo di alcol, oltre ad essere dannoso per la loro salute, spesso genera comportamenti che si ripercuotono sulla sicurezza e vivibilità del Centro Storico stesso”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*