Gualdo Tadino, capitale italiana della sostituzione etnica sul lavoro

Gualdo Tadino, capitale italiana della sostituzione etnica sul lavoro

da Forza Nuoca di Gualdo Tadino
Gualdo Tadino, capitale italiana della sostituzione etnica sul lavoro.
Prima si conferma la stipula della collaborazione fra L’Ente Giochi e Arci per l’impiego dei richiedenti durante i Giochi delle Porte. Poi, oggi, la consegna da parte dell’amministrazione comunale di Gualdo Tadino di attestati di merito ai sedicenti profughi, ma veri clandestini, per i lavori di giardinaggio svolti. Infine l’annuncio che l’Infopoint comunale verrà gestito proprio da uno essi. Ci troviamo ormai immersi in un perenne stato di eccezione, in cui l’ Amministrazione e Arci elevano e mitizzano a contemporaneo idolo pagano il “ profugo lavorante”.

Peccato che il profugo lavorante faccia mansioni che dovrebbero essere svolte, con relativa retribuzione, dai giovani disoccupati gualdesi. Riteniamo, noi di Forza Nuova, che tale iniziativa, benchè mascherata da intervento con finalità sociale e di integrazione, è rivelatrice invece di un vero e proprio razzismo di fondo e fa emergere il vero volto dell’accoglienza, lo sfruttamento economico di migranti spesso deportati ad esclusivo vantaggio dei centri di business che lucrano sull’affare migratorio.

LEGGI ANCHE: Forza Nuova: gravissimo l’indottrinamento politico nelle scuole di Gualdo

Il fatto che a Gualdo, come in molte altre città d’Italia, si utilizzino dei migranti, richiedenti asilo (che nella gran parte dei casi non otterranno mai la protezione umanitaria) per lavori di pulizia delle strade e dei giardini costituisce solo una cortina fumogena per mascherare i guadagni dell’Arci. Insomma, si sta usando un esiguo numero di comparse teatrali intente a togliere erbacce dall’asfalto per nascondere un affare milionario fatto anche sulla loro pelle.

Infine ci chiediamo, noi di Forza Nuova, che non sfruttiamo l’immigrazione nè aspiriamo ad essere candidati con il Pd alle prossime o a scalarne le gerarchie regionali ma miriamo solo a salvaguardare l’immagine ed il blasone di Gualdo, che effetto facciano sui turisti i cosiddetti profughi piantonati con le casacche fosforescenti all’interno delle taverne dei Giochi come avvenuto l’anno scorso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*