Gualdo Tadino, tanti spettatori per lo spettacolo “Infami”

Nella serata di giovedì 5 marzo sul palcoscenico del Teatro Don Bosco di Gualdo Tadino è andato in scena “Infami” Storie di ordinaria antimafia. L’appuntamento fa parte della Stagione di Prosa 2014-2015 organizzata dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con il Teatro Stabile dell’Umbria.

Di fronte ad una platea piena di spettatori, nonostante il maltempo e la neve che ha colpito Gualdo, lo spettacolo tratto dall’omonimo libro scritto da Alfonso Russi ha visto il coinvolgimento, tramite La Società dello Spettacolo, anche di un gruppo di studenti del Liceo Scientifico Statale “R.Casimiri” e dei giovani dell’Agesci – Associazione Scout Cattolici Italiani, in un’attività laboratoriale, con l’intento di promuovere ed educare alla legalità.

La legalità riguarda il profilo umano di ogni cittadino. Promuovere la legalità significa favorire le condizioni per cui in ciascuno maturi un senso di giustizia, la coscienza di uno spazio pubblico e di valori umani condivisi che abbiano più forza dell’avidità, della violenza, dell’egoismo, dell’arrivismo, del qualunquismo su cui attecchiscono le mafie di ogni epoca. Occorre dunque un’educazione alla legalità perché essa è il frutto di tanti piccoli gesti, abitudini e scelte che riguardano la vita quotidiana di ognuno di noi.

Da questo punto di vista è un fatto che non può essere trascurato nella formazione di ogni individuo e dei giovani in particolar modo.
Per dare un segno ancora più significativo a ciò, il testo è stato rielaborato in modo tale che i ragazzi che hanno partecipato al laboratorio potessero prendere parte direttamente allo spettacolo. In scena, oltre a C.L Grugher e Michelangelo Bellani, sono così finiti anche Pietro Barboni, Marco Bisciaio, Leonardo Biscontini, Damiana Bossi, Sara Caparvi, Valentino Cristofaro, Filippo Goracci, Jai Davide Gregorelli, Rania Hassan, Michela Lepri, Valerio Lupini, Giovanni Pannacci, Federica Riccobono, Giacomo Rossi, Gian Marco Traversini.

“Sono soddisfatto di questa ultima occasione (nonostante le proibitive condizioni meteo…) – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Roberto Morroni – e della risposta avuta in questi primi appuntamenti della Stagione di Prosa 2014-2015. Dalla scorsa estate abbiamo lavorato, in collaborazione con Unigualdo e con il Teatro Stabile dell’Umbria, per realizzare un cartellone ricco di spettacoli di qualità.

La costante presenza di pubblico al Teatro Don Bosco rafforza la convinzione della nostra scelta e programmazione. In particolare il progetto “Infami”, un percorso che, attraverso un laboratorio, condotto da ” La Società dello Spettacolo”, grazie alla disponibilità dell’Istituto R.Casimiri”, ha previsto l’inserimento di giovani locali nella rappresentazione teatrale ed un dibattito successivo che si svolgerà sabato 7 marzo alle ore 17 presso la Sala della Città. Sono segnali di grande attenzione riguardo a temi sensibili, come appunto la legalità, che trasversalmente interessano la nostra società e rappresentano un tentativo teso a coinvolgere la comunità gualdese”.

Il tema della giustizia e della legge, intanto, verrà nuovamente affrontato sabato 7 marzo alle 17 presso la Rocca Flea – Sala della città di Gualdo Tadino con un incontro dal titolo La Strada della Legalità al quale interverranno:

Massimiliano Presciutti, sindaco del Comune di Gualdo Tadino.
Alfonso Russi, ex consulente tecnico della direzione distrettuale antimafia;
Di Catanzaro, socio di Libera (Foligno), autore del libro “Infami”;
Walter Cardinali, referente regionale libera
Claudio Grugher, regista dell’adattamento teatrale di “Infami”
Simone Mattei, comandante stazione carabinieri Gualdo Tadino

La Stagione di Prosa 2014-2015, invece, continuerà il prossimo 13 marzo, sempre al Teatro Don Bosco alle ore 21, con lo spettacolo realizzato in chiave multidisciplinare (danza contemporanea, phisical theatre e circo) “Italì” con la coreografia di Luca Bruni.

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*