34esimo festival nazionale delle scuole di danza

GUBBIO – Venerdì 1 maggio, al Teatro Comunale di Gubbio, ha inizio la seconda del 34° Festival Nazionale delle Scuole di danza “Renato Fiumicelli”. La manifestazione, che è iniziata sabato 25 aprile, ha portato per il ventitreesimo anno consecutivo a Gubbio, centinai adi giovani allievi di danza, provenienti da tutta Italia, in rappresentanza di 40 scuole. Sono guidati da insegnanti diplomati dall’Accademia Nazionale di Danza di Roma, o da altra istituzione, italiana o estera, equipollente per prestigio e qualità di formazione. È questo il selettivo pre-requisito per partecipare al “florilegio” pensato dal maestro Renato Fiumicelli, ideatore dell’evento.

Appuntamento qualificato a livello nazionale, e fiore all’occhiello della città di Gubbio, il Festival non prevede classifiche ma solo l’assegnazione a fine manifestazione di due borse di studio ad allievi particolarmente meritevoli e promettenti, individuati da una giuria esperta e qualificata così composta: Signora Giuliana Fiumicelli Plastino, sorella del compianto maestro Fiumicelli, Salvatore Capozzi, già primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma e Prof.ssa Giovanna Greco, dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Ospite d’eccezione, venerdì 1 maggio, è una presenza prestigiosa: giovani allievi dell’Accademia Nazionale di Danza, a Roma, sei coreuti che vedremo impegnati in alcuni dei più significativi assoli e passi a due estratti dai grandi titoli del repertorio ottocentesco, titoli di sicuro interesse e di grande attrazione per il pubblico.

I pezzi eseguiti saranno i seguenti: “Tchaikowsky pas de deux”, su musica di Tchaikowsky, con interprete Anna Chiara Corti; l’assolo di Medora da “Le Corsaire”, su musica di Adolphe Adam, con Bianca Cortese; “L’ Uccellino azzurro”, da “La Bella Addormentata nel Bosco”, ancora su musica di Tchaikowsky, con interpreti Alex Gattola e Martino Merrocolo; “Il Talismano”, su musica di Riccardo Drigo, eseguito da Anna Chiara Corti; un brano di danza moderna, “Pathos bellico”, con la giovane Bianca Cortese; e il gran finale con una sequenza da “Coppelia”, musica di Léo Delibes, in scena Camilla Cerulli e David Pietroniro.

A chiudere il Festival, sabato 2 e domenica 3 maggio, ancora un ospite importante: la Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli, diretta da Anna Razzi, istituzione che svetta per la qualità, la cura dello spettacolo, l’impegno degli allievi e l’originalità delle proposte. La Scuola partenopea si esibirà nel corso delle serate del 2 e 3 maggio con un titolo del proprio repertorio, “Biancaneve”, una coreografia che saprà affascinare il pubblico, e regalare un epilogo di classe alla manifestazione. Appuntamento quindi a Gubbio dal 1 al 3 maggio, alle 20:15 al Teatro Comunale.

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*