Opportunità concrete per incentivare lo sviluppo economico a Gualdo Tadino

Gualdo Tadino, tra i più virtuosi della regione in tema di raccolta differenziata

Opportunità concrete per incentivare lo sviluppo economico a Gualdo Tadino 

Per incentivare lo sviluppo economico, novità in arrivo per le microimprese del territorio di Gualdo Tadino. L’Ufficio Sviluppo Economico del Comune in questi giorni ha iniziato ad inviare alle aziende locali il nuovo bando per microimprese dell’artigianato locale promosso dal GAL Alta Umbria. Il bando, dal titolo “Alta Umbria smart factory”, ha una dotazione pubblica attuale di 250.000 euro e prevede incentivi alle microimprese cioè aziende con meno di 10 dipendenti ed un fatturato annuo inferiore ai due milioni di euro.

L’obiettivo del bando è sostenere gli investimenti delle imprese artigiane dell’Alta Umbria ed in particolare i progetti che prevedono interventi di edilizia libera, acquisto di macchinari, hardware e software e creazione di siti web. Saranno privilegiati i progetti che presentano interventi finalizzati ad introdurre procedure innovative e/o rispettose dell’ambiente. La contribuzione prevista per la città di Gualdo Tadino è pari al 70% dell’investimento globale, poiché il territorio risulta posto in un’area con problemi complessivi di sviluppo. Il contributo massimo per ogni micro impresa invece può arrivare a massimo 25.000 €.

Le domande di sostegno dovranno essere presentate attraverso il portale SIAN a partire dal 4 febbraio 2019. L’utilizzo del portale SIAN rappresenta una novità per le imprese artigiane che solitamente ricorrono ad altri strumenti informatici per la presentazione delle domande.

Le spese ammissibili e rientranti nel bando possono riguardare: piccole opere murarie e impiantistiche di edilizia libera connesse all’investimento o strettamente necessarie allo svolgimento dell’attività; – acquisto di nuovi macchinari, automezzi, attrezzature e forniture per lo svolgimento delle attività; – acquisto di hardware e software inerenti o necessari all’attività; – creazione e/o implementazione di siti internet; – spese generali definite ai sensi dell’art.45 paragrafo 2 del Reg. 1305/2013 e che si riferiscono alle spese come onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica. Le spese generali sono ammesse a contributo nel limite massimo del 5% dell’importo complessivo degli investimenti mobiliari (macchine, attrezzature, programmi informatici, licenze, automezzi e siti web) e del 12% degli investimenti immobiliari (opere murarie e impiantistiche di edilizia libera).

Per ogni informazione sul bando è possibile contattare lo 075-9220034 (sede GAL) oppure l’Ufficio Sviluppo Economico del Comune di Gualdo Tadino allo 075-9150265 o consultare il sito del Gal www.galaltaumbria.it dove è possibile reperire l’avviso.

Sempre per quanto riguarda lo sviluppo economico del territorio di Gualdo Tadino e del comprensorio, si ricorda inoltre che è attivo, da diversi mesi, lo sportello Gepafin in favore delle aziende locali per attività di consulenza e strumenti finanziari messi a disposizione dai Fondi Strutturali.

L’ufficio, situato al primo piano del palazzo municipale, è aperto ogni giovedì dalle 15 alle 18. In pochi mesi ha già vagliato le necessità di oltre 20 proposte arrivate tra aziende già esistenti, start up innovative e idee progettuali in diversi settori. Per informazioni o prenotazioni è possibile contattare il numero 0755059824.

“Nonostante le oggettive difficoltà del periodo – sottolinea il Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti – abbiamo lavorato di concerto con le altre Istituzioni sovracomunali per cercare di attrarre nuove risorse da mettere a disposizione del sistema economico e produttivo della città. Lo sportello ha già prodotto importanti ricadute, che a breve verranno presentate ufficialmente, mentre il bando del Gal rappresenta un’opportunità per le imprese artigiane alle quali sia i nostri uffici che lo stesso sportello potranno dare il supporto necessario”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*