Raponi, basta gettare fango sulla Comunanza Agraria Appennino Gualdese

Raponi, basta gettare fango sulla Comunanza Agraria Appennino Gualdese

“Si continua incessantemente a gettar fango sulla Comunanza Agraria “Appennino gualdese” in maniera infondata ed arbitraria , senza cognizione di causa e senza alcun reale riscontro .

Tale atteggiamento tende esclusivamente a disseminare discredito verso l’Ente suddetto ed a creare divisioni tra cittadini e tra quest’ultimi e l’Ente stesso”. Ad intervenire sulla questione è Alessia Raponi, referente Lega circoscrizione eugubino gualdese che continua: “E questo comporta svantaggio per l’ intera collettività che, invece, ha bisogno di armonia e pacatezza per affrontare la grave e difficile situazione in cui versa la città.

Speriamo, quindi, che in futuro sia i cittadini che le varie Associazioni interessate vogliano verificare ed approfondire i temi inerenti la Comunanza Agraria prima di avventurarsi in sterili chiacchiere. Tutto questo in riferimento all’incontro avvenuto in Comune la settimana scorsa tra dirigenti regionali (per AFOR), comunali, della comunità montata, della Comunanza agraria e della  Associazione “Gualdo valore comune” per discutere circa la legittimità delle autorizzazioni rilasciate alla Comunanza Agraria per il diradamento selettivo operato nella pineta di “Sanscupo” e la  regolarità e/o conformità dei lavori eseguiti dalla stessa rispetto al progetto approvato.

Bene, in seguito a tale incontro si è  evidenziato e riscontrato, da parte di tutti i tecnici,  un  completo, conforme e legittimato operato da parte della Comunanza nell’eseguire i lavori suindicati e cioè nel pieno rispetto della tutela ambientale. Ci chiediamo quindi il perchè di tutto questo accanimento, il perchè di tutto questo baccano stridente e stonato,  gratuito e senza senso, il perchè di tutto questo spreco inutile di tempo e di energie che bisognerebbe, invece, impiegare e convogliare solo nella  ricerca della verità e del bene, quello vero, della intera comunità.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*