Trofeo Luigi Fagioli, presentato a Perugia il programma della 53esima edizione

Trofeo Luigi Fagioli, presentato a Perugia il programma della 53esima edizione

Trofeo Luigi Fagioli, presentato a Perugia il programma della 53esima edizione. E’ stato presentato questa mattina a Perugia presso Palazzo Donini – Sala Fiume, il programma del 53° TROFEO LUIGI FAGIOLI, gara automobilistica che si svolgerà dal 17 al 19 agosto sul percorso Gubbio-Madonna della Cima. La manifestazione, che vedrà circa 250 vetture partecipanti, è organizzata dal CECA – Comitato Eugubino Corse Automobilistiche in collaborazione con l’Automobile Club Perugia, con il supporto e il sostegno del Comune di Gubbio, ed è aperta alle auto moderne e storiche e le titolazioni di Campionato e Trofeo Italiano Velocità Montagna la rendono una delle più importanti gare nel settore della ‘Velocità in Salita’.

Erano presenti per il Comune di Gubbio il sindaco Filippo Mario Stirati e l’assessore Gabriele Damiani, e inoltre il vice presidente della Provincia di Perugia Roberto Bertini, il presidente Automobile Club Perugia Ruggero Campi, il presidente del Comitato Italiano Paraolimpico Umbria Gianluca Tassi, coordinatore il giornalista Gianluca Marchese.

«Dare continuità e slancio ad un evento di fortissimo richiamo e di grande attrattiva – ha commentato il sindaco Stirati – ci riempe di soddisfazione e di orgoglio. L’appuntamento unisce il prestigio dei piloti partecipanti all’ottima organizzazione del team sportivo, di grande livello, di cui siamo grati al CECA, che da anni assicura professionalità e impegno nonché all’impegno sociale e solidaristico, a favore di una crescente sensibilità verso il mondo dei paraolimpici.

Il Comune assicura il massimo della collaborazione e del coivolgimento e quest’anno ci attende una traguardo doppio, in quanto dal 12 al 14 ottobre ci sarà il prestigioso appuntamento FIA HILL CLIMB MASTERS, grande evento internazionale di fine stagione che per la prima volta approda in Italia e vedrà arrivare nella nostra città il meglio delle corse in salita. Sarà un’occasione imperdibile tra sport, passione per i motori, natura e turismo, per ammirare tutti i campioni europei e nazionali.

La Gola del Bottacione, del resto assicura un incredibile luogo di sicura attrattiva, legato a valenze naturali, geologiche, storiche e architettoniche ». L’assessore Damiani ha sottolineato l’aspetto collaudato di un modello di collaborazione vincente: « Esiste una sinergia tra publico e privato, in particolare con la CECA, che assicura successo ad un evento complesso che richiede sacrificio e impegno.

E’ altresi un’occasione che incide positivamente sul territorio con una promozione importante e il coinvolgimento di strutture ricettive e turistiche ». Bertini ha ribadito il valore di una competizione come il ‘Trofeo Fagioli’ come risorsa non solo sportiva ma anche richiamo turistico su cui puntare per la centralità dell’Umbria, baricentro d’Italia, mentre Campi ha elogiato l’eccellente crescita professionale del team CECA, con Fabrizio Fondacci in testa. Tassi, il pilota disabile che non si è mai arreso alla sfortuna e continua ad assicurare imprese eroiche, ha richiamato l’impegno della categoria paraolimpica negli eventi sportivi, auspicando un maggior coinvolgimento anche della Federazione, come avviene in altre Nazioni d’Europa.

Il Trofeo Luigi Fagioli è una cronoscalata tra le più rinomate in Europa, sul percorso di gara di 4150 metri che da Gubbio raggiunge il valico di Madonna della Cima attraverso la Gola del Bottaccione, sito geologico di rilevanza mondiale. Le titolazioni tricolori la rendono una delle corse in salita più ambite.

L’edizione 2018, la 53^ consecutiva come pochissimi eventi motoristici possono vantare in Italia, è prova del Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM) e presenta la doppia validità per il Trofeo Italiano Velocità Montagna (TIVM) Nord e Sud, oltre che per il Campionato Italiano Le Bicilindriche e altri trofei, fra i quali lo speciale trofeo promosso in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico dell’Umbria che all’insegna dell’impegno sociale premierà i piloti diversamente abili.

Grandi sfide attendono i piloti provenienti da tutta Italia in lotta per i titoli tricolori nelle categorie “produzione” delle auto Turismo/rally e GT (rappresentanti di marchi del calibro di Aston Martin, Bmw, Ferrari, Lamborghini e Porsche) e in quelle “da competizione” delle vetture Silhouette, Prototipi e Formula. Il 53° Trofeo Fagioli aprirà i battenti venerdì 17 agosto con le verifiche sportive e tecniche. Le sportive si tengono dalle 15.30 alle 19.30 nel convento di San Secondo, nuovo quartier generale che sorge in zona paddock e ospita la direzione gara.

Le tecniche si tengono dalle 15.45 alle 19.45 nella zona di Via del Perilasio, sempre in zona paddock. Sabato 18 agosto con partenza alle 9.30 si disputano le due salite di prove ufficiali utili a prendere confidenza con il tracciato e a mettere a punto le auto da corsa in vista delle due salite di gara. Domenica 19 agosto a partire dalle 9.00 è infatti di scena il clou con la disputa di gara 1 e, a seguire, gara 2 del 53° Trofeo Fagioli.

Al termine le premiazioni si tengono nella sala congressi della casa famiglia Santa Lucia, novità dell’edizione 2018 sempre ubicata in quella zona paddock/partenza che, fra centro storico, mura medievali e teatro romano, è valsa a Gubbio l’appellativo di “Montecarlo delle salite”. Nel weekend di gara l’evento ospita al venerdì sera la cerimonia di consegna del Memorial Angelo e Pietro Barbetti, il riconoscimento che il CECA rivolge ogni anno a una realtà o personalità di spicco del mondo dei motori nel segno della passione delle personalità cittadine al quale è dedicato.

Tra le iniziative collaterali, nel weekend si terrà un raduno Ferrari con sfilata e gli organizzatori hanno ulteriori progetti in definizione, volti a curare pure gli aspetti promozionali dell’evento e di conseguenza dell’intero territorio.

Il CECA ospiterà infine una delegazione della FIA (la Federazione Internazionale), che potrà approfondire la conoscenza dell’organizzazione, della città e della cronoscalata stessa in vista del successivo appuntamento del 12-14 ottobre, quando il percorso di gara del Trofeo Luigi Fagioli ospiterà anche il FIA Hill Climb Masters 2018, organizzato sempre dal Comitato Eugubino, che dunque quest’anno sarà doppiamente impegnato anche nella preparazione del prestigioso evento internazionale che riunirà tutti i campioni europei e dei vari campionati nazionali provenienti da tutto il continente, con tanto di Coppa delle Nazioni in palio. Oltre alle nuove location, sono stati rifiniti altri aspetti organizzativi. Su più fronti il Trofeo Fagioli si conferma all’avanguardia come cronoscalata “smart”.

E’ stata approntata da Motus Lab l’app dedicata denominata “Trofeo Luigi Fagioli” (gratuita e per sistemi Apple e Android) che “affiancherà” l’evento sotto tutti i punti di vista. Oltre a offrire info e tempi in diretta a pubblico e appassionati, l’innovativo sistema, il primo e unico del genere nel mondo delle cronoscalate, permette a piloti e addetti ai lavori (ai quali è riservato un accesso personale con credenziali consegnate alle verifiche) di ricevere comunicazioni in tempo reale da direzione gara e allineamento. È inoltre confermata la copertura internet by Fìdoka per una connessione wi-fi veloce dedicata nelle zone paddock/partenza e arrivo/parco chiuso, dove saranno a disposizione una grande hospitality e un motorhome.

Diverse anche le iniziative per il pubblico e sul percorso di gara, interessato da lavori di riasfaltatura e “restyling”, con alcune migliorie che riguardano le tribune “naturali” presenti lungo il tracciato e con il tema della sicurezza sempre ben presente nell’ispirare gli interventi.

Confermato il biglietto unico valido per sabato e domenica a soli 10 euro e la logistica ottimizzata per piloti e spettatori con servizio navetta Cotrape da Gubbio fino alla chiusura del percorso e ininterrotto dal versante di Scheggia a Madonna della Cima e varco sempre aperto per Sant’Ubaldo per entrata/uscita dalla città al percorso e alla zona delle tribune del bivio per il santuario.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*