Gualdo Tadino si prepara al Giro d’Italia, inaugurata la mostra su Adolfo Leoni

L’esposizione dedicata al centenario del campione gualdese si sviluppa in tre stanze del sito museale

Gualdo Tadino si prepara al Giro d'Italia, inaugurata la mostra su Adolfo Leoni

Gualdo Tadino si prepara al Giro d’Italia, inaugurata la mostra su Adolfo Leoni

In un Teatro Talia stracolmo di gente, entusiasmo e passione per il ciclismo nella giornata di domenica 3 dicembre ha preso ufficialmente il via il countdown che si concluderà il 15 maggio 2018 e vedrà Gualdo Tadino come arrivo di tappa del 101° Giro d’Italia (la Penne-Gualdo Tadino di 239 km). “Adolfo Leoni: la storia di un grande ciclista. Cento anni dalla sua nascita” è il titolo della mostra che è stata inaugurata ieri a Gualdo Tadino presso il museo di Casa Cajani e che ha visto come prologo al Teatro Talia la sua presentazione ufficiale, con ospiti d’eccezioni arrivati appositamente per l’occasione.

La giornalista RAI Alessandra De Stefano, dal 2010 conduttrice del Processo alla Tappa su Rai Tre; l’ex ciclista Alessandro Petacchi, 22 vittorie di tappa al Giro d’Italia, 6 al Tour de France e 20 alla Vuelta spagnola; il giornalista di Radio Rai Antonello Brughini; l’esperto di storia del ciclismo Beppe Conti in collegamento telefonico; il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti e la presenza a sorpresa di Gioia Bartali, nipote di Gino Bartali hanno dato il via ad una splendida giornata di sport. Tra gli intervenuti al convegno anche Luca Panichi, lo sportivo che scala vette in carrozzella e Gloria Brunetti dell’amministrazione Rai.

Dopo l’introduzione musicale del giovanissimo pianista Marco Gioia, che si è esibito in alcuni brani, è stata Gioia Bartali a spiegare il significato della scelta di Gerusalemme come partenza del Giro numero 101.

“La partenza della Corsa Rosa in Israele è un omaggio a mio nonno, nominato giusto tra le Nazioni per la sua attività a favore degli Ebrei”. Dopo il ricordo di Gino Bartali, l’attenzione degli ospiti si è spostata sulla tappa Penne-Gualdo Tadino del prossimo 15 maggio 2018.

“Ringrazio tutti coloro che hanno voluto la mia presenza qui – ha sottolineato la giornalista Rai Alessandra De Stefano – a Gualdo Tadino. Inauguriamo oggi una mostra dedicata ad un grande campione del ciclismo del passato che ha fatto la storia di questo sport.  Questa è la prima iniziativa di un percorso che porterà all’arrivo del Giro a Gualdo Tadino del prossimo 15 maggio 2018. Sarà una tappa molto bella e in quella giornata aspettiamo tanta gente sotto il palco del Processo che condurrò”.

“La Penne-Gualdo Tadino – ha dichiarato l’ex ciclista Petacchi – sarà una tappa molto difficile che arriverà il giorno dopo la giornata di riposo. Una tappa che vedrà anche la presenza di Froome, che verrà al Giro dopo anni di assenza per cercare di entrare nella storia e vincerlo”.

“Sarà il quarto Giro d’Italia che racconterò per la Radio il prossimo – ha detto il giornalista di Radio RAI Antonello Brughini –. Quella di Gualdo Tadino è una scommessa vinta, vedrete che festa sarà quella del 15 maggio 2018. Ora si hanno davanti cinque mesi in cui lavorare intensamente per arrivare alla tappa belli come non mai. Ma Gualdo sarà pronta alla sfida essendo insieme a Foligno e Città di Castello una delle città umbre con più tradizione nel ciclismo”.

Il giornalista Beppe Conti, in collegamento telefonico, ha poi ricordato la figura di Adolfo Leoni.  “Adolfo Leoni era un campione assoluto, che batteva in quei tempi Coppi e Bartali. Coppi lo ha battuto anche nel 1949, che è stato l’anno migliore del Campionissimo. Pensate solo che nella Cuneo-Pinerolo, che fu l’impresa più epica di Fausto Coppi, in maglia rosa era partito proprio Adolfo Leoni”.

A chiudere la presentazione al Talia, prima di tagliare il nastro della mostra a Casa Cajani, è stato poi il Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti.

“Ringrazio tutte le persone che insieme a me hanno giocato questa sfida che ha portato Gualdo Tadino a poter ospitare una tappa del Giro d’Italia 2018. Abbiamo messo l’obiettivo sopra tutto ed il sogno che sembrava impossibile è divenuto realtà. Gualdo Tadino entra ufficialmente nella storia con l’arrivo il 15 maggio 2018 della corsa ciclistica più importante del Mondo”.

Durante la presentazione il Coordinatore del Comitato di Tappa Marco Tini ha poi svelato il logo che accompagnerà tutte le iniziative collaterali del Comitato da qui al 15 maggio 2018. Un logo ideato per l’occasione da Visual, che si è aggiudicata il concorso indetto tra gli studi grafici di Gualdo Tadino.

La mostra “Adolfo Leoni: la storia di un grande ciclista. Cento anni dalla sua nascita” presso Casa Cajani, va ricordato, che sarà visitabile fino al prossimo 16 maggio 2018.  L’esposizione dedicata al centenario del campione gualdese si sviluppa in tre stanze del sito museale ed ha al suo interno tanti cimeli unici che raccontano la storia di Leoni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*