Intervenire urgentemente per salvare casa per anziani Nocera Umbra

 
Chiama o scrivi in redazione


Casa di riposo Toschi Mosca, solo due operatori positivi covid 19

Intervenire urgentemente per salvare casa per anziani Nocera Umbra

“Ho presentato un’interrogazione al ministro della Salute Roberto Speranza per salvare la casa per anziani di Nocera Umbra dove, ad oggi, sono presenti 14 persone. Una struttura dove, peraltro, non c’è stato nemmeno un caso di contagio da coronavirus mentre, invece, lo spostamento degli anziani ospiti in una situazione del tutto nuova con persone non conosciute potrebbe esporli a situazioni a rischio di contagio”. Così la senatrice umbra del MoVimento 5 Stelle Emma Pavanelli, intervenendo nell’aula di Palazzo Madama.

“Nel Comune di Nocera Umbra – ha spiegato – dal 2005 è presente un Centro Sanitario Polivalente in sostituzione di quello reso inagibile dal terremoto del 1997. Tra il 2006 e il 2007, l’amministrazione comunale ha destinato uno dei padiglioni all’accoglienza di persone anziane. Nel 2018 il Comune di Nocera Umbra, incorrendo in un disavanzo di amministrazione di 814mila euro, ha però comunicato che il servizio di accoglienza sarebbe cessato, perché ritenuto una spesa non più sostenibile.

Dopo varie consultazioni tra le istituzioni interessate (Regione, Comune, USL) si arrivò ad una soluzione transitoria, a partire da maggio 2018, che prevedeva da parte della Usl la concessione dell’immobile in comodato d’uso per pubblica utilità al Comune, il quale a sua volta, lo ha concesso quale residenza per anziani. E’ stata avviata un’esperienza di autogestione con soddisfazione di tutte le parti interessate. Ad aprile 2019, in vista della scadenza annuale, gli anziani hanno chiesto una proroga, senza però ricevere risposta, in mancanza della quale il “co-housing” è proseguito risultando molto efficiente”.

Purtroppo, di recente, ha concluso, “la USL ha inviato, in piena emergenza sanitaria da coronavirus, una lettera raccomandata in cui si chiedeva la riconsegna immediata dell’immobile. Il che comporterebbe il trasferimento degli anziani in varie strutture residenziali con le conseguenze già enunciate. Per questo chiediamo l’intervento del ministro Speranza”.

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*