Lega, sbagliato comportamento sindaco, dequalifica nome di Gualdo

 
Chiama o scrivi in redazione


Lega, sbagliato comportamento sindaco, dequalifica nome di Gualdo

Lega, sbagliato comportamento sindaco, dequalifica nome di Gualdo

Gualdo Tadino, Raponi (Lega): “Sbagliato il comportamento del sindaco” “Avrei sperato che Gualdo Tadino fosse assurto agli onori delle cronache in altro modo, piuttosto che per le dichiarazioni del suo sindaco sceriffo che dà dei cretini ai cittadini al tempo del coronavirus”. Lo afferma Alessia Raponi, consigliere comunale della Lega, a commento dell’ultimo invito fatto dal primo cittadino gualdese alla popolazione di inviargli foto e video di chi non rispetta le regole della chiusura, voluta dal governo e potenziata da alcune regioni, per contenere il diffondersi del coronavirus.

“Mi sembra che la situazione sia abbastanza chiara a tutti e che la stragrande maggioranza dei gualdesi, così come degli italiani, stia rispettando alla lettera le regole indicate. Quindi non possiamo permetterci un sindaco che si permette di sbraitare in video contro i cittadini, usando epiteti assolutamente fuori luogo. Presciutti, di fatto, sta invitando i gualdesi a farsi giustizia da soli e la mannaia che consiglia loro di usare è… il telefonino!

Tuttavia non si rende conto che sta giocando con il fuoco, in quanto istigare la popolazione a fare la spia – peraltro senza che nessuno di noi abbia il reale potere di farlo, in quanto la patente affidata al mondo da Presciutti via web non ha finora nessun riscontro nella Costituzione e nelle nostre leggi – potrebbe significare infilarsi in un ginepraio senza fine: basti pensare alle diatribe fra vicini e non aggiungo altro. Inoltre”, continua la leghista, “la vita di limitazioni e di privazioni che tutti stiamo conducendo favorisce già sentimenti quali la diffidenza e la rabbia.

Quindi non speculerei politicamente né sull’una, né sull’altra, soprattutto di questi tempi in cui le famiglie e i singoli attraversano gravi difficoltà, a volte anche di tipo psicologico. Suggerirei pertanto a Presciutti di calmarsi e di fermarsi a riflettere sulle sue strampalate parole: una cittadinanza che, ripeto, si sta comportando bene può essere motivata anche in modi diversi: non serve usare l’insulto gratuito o seminare zizzania perché, un giorno, tutto l’odio seminato verrà al pettine.

Capisco che Presciutti, così facendo, guadagna qualche telecamera puntata su di lui e quindi si crede di essere importante. Però sta sbagliando e col suo comportamento sta solamente inasprendo una situazione già dura. E poi, siamo seri: ma chi si fida, in un luogo piccolo come Gualdo Tadino, che chi fa le segnalazioni video-fotografiche al sindaco, verrà garantito nel suo anonimato? Anche questo patetico tipo di “garanzia” mi dà la cifra stilistica del modo in cui si muove l’amministrazione comunale di Gualdo Tadino e il suo sindaco, che pensano di essere a capo di un’ammucchiata beota di sudditi e non di normali cittadini”.

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*