Festa dei Ceri, passata emergenza la corsa riprenderà più forte di prima 🔴

 
Chiama o scrivi in redazione


Festa dei Ceri, passata emergenza la corsa riprenderà più forte di prima

Festa dei Ceri, passata emergenza la corsa riprenderà più forte di prima 🔴

“Passata questa bufera del Covid-19 la corsa dei Ceri di Gubbio riprenderà più forte di prima. Attendere la prossima edizione sarà lunga, ma sapremo aspettare perché quella sarà una manifestazione memorabile”. È quanto dichiara il consigliere regionale Daniele Nicchi (Lega) ricordando che “sono un ceraiolo convinto: pur vivendo in provincia di Terni ad Attigliano, sono nato 56 anni fa a Gubbio e il mio cuore non si è mai trasferito”. “Nelle ore che precedono la Corsa – prosegue Nicchi – non posso non lasciarmi andare a piacevoli ricordi. Ho indossato la camicia e pantaloni del cero di Sant’Ubaldo, da quando avevo tre anni.



A casa mia si è sempre respirata aria di Ceri, sia nella buona, sia nella cattiva sorte. Quando il Cero sbandava e cadeva, per dodici mesi si studiava come fare per migliorare e non farsi mettere alla berlina dagli altri ceraioli. Non sono mai mancato ad una edizione della Corsa dei Ceri e in quel clima di festa ho coinvolto tutta la famiglia, che almeno per un giorno si è sente eugubina al cento per cento”. “Quella della festa dei Ceri – continua Nicchi – è una tradizione mai interrotta e senza tempo, simbolo della nostra Regione. Quest’anno per l’emergenza sanitaria non si farà dopo secoli. Un popolo orgoglioso e unito attorno al suo patrono Sant’Ubaldo. Mi dispiace tanto non potere partecipare quest’anno. È tra le più antiche, se non in assoluto la più remota, manifestazione storico – rievocativa italiana. La Festa – conclude – ha avuto ed ha tuttora un ruolo fondamentale per la comunità eugubina, e umbra”. RED/dmb

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*