Giornata Fai di Primavera, visite al Palazzo della Porta a Gubbio

L’evento è patrocinato anche dal Comune di Gubbio

Giornata Fai di Primavera, visite al Palazzo della Porta a Gubbio

Giornata Fai di Primavera, visite al Palazzo della Porta a Gubbio

GUBBIO – In occasione delle ‘GIORNATE FAI DI PRIMAVERA’, in programma sabato 24 e domenica 25 marzo, il Gruppo FAI Gubbio accompagnerà i visitatori alla scoperta di uno dei tesori nascosti della città: PALAZZO DELLA PORTA. Le visite saranno a cura degli ‘Apprendisti Ciceroni’ del Polo Liceale “G. Mazzatinti” e avranno i seguenti orari: sabato 24 marzo dalle 15 alle 17.30; domenica 25 marzo dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30. Proprietà della famiglia Bartolini, fu realizzato tra il XV ed il XVI secolo, per volere di Bartolomeo, abbreviatore apostolico e segretario dei duchi di Urbino, acquistando e unendo in un unico complesso varie case medievali.

I lavori furono eseguiti dai maestri lombardi, Giovanni Melchiorri e Domenico di Antonio. Presenta un finissimo portale tipicamente rinascimentale ed un fregio della trabeazione che circonda due lati del palazzo e che ospita una dedica a Guidobaldo da Montefeltro. Nel corso del ‘500 la famiglia Bartolini si estinse e quasi tutto il patrimonio di famiglia passò ai Conti della Porta: il palazzo fu ereditato dal conte Giulio.

Nell’Ottocento il Palazzo custodiva una ricca collezione di opere d’arte elencate dallo storico Lucarelli; tra queste “La Maddalena” di Pietro da Cortona, “Il Presepe” del Pomarancio, “Due piccole battaglie” di Salvator Rosa, “La Vergine con velo bianco in testa” del Sassoferrato, un “Ritratto” di Tiziano, un bozzetto in bronzo di Donatello.

L’evento è patrocinato anche dal Comune di Gubbio. Si ringrazia: Famiglie Colaiacovo, Fabrizio Cece e Archivio di Stato sezione di Gubbio. Nella giornata di domenica 25 sarà possibile anche visitare la Cappella di S. Maria della Misericordia (Piazzale Frondizi) con il seguente orario: dalle ore 10.30 alle 12,30 e dalle 15 alle 17.30. Le visite saranno sempre a cura degli Apprendisti Ciceroni del Polo Liceale “G. Mazzatinti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*