Esplosione Gubbio, i funerali del giovane Samuel Cuffaro

 
Chiama o scrivi in redazione


Esplosione Gubbio, i funerali del giovane Samuel Cuffaro
ph TGR Media

Esplosione Gubbio, i funerali del giovane Samuel Cuffaro

“Questo è il giorno delle lacrime, questo è il giorno in cui dobbiamo avere il coraggio di piangere, le lacrime sono le cose più vere che abbiamo”. Lo ha detto il vescovo di Gubbio Luciano Paolucci Bedini all’inizio della celebrazione religiosa per l’ultimo saluto a Samuel Cuffaro, il 19enne morto venerdì scorso a seguito di un’esplosione alla Green Genetics, azienda agricola eugubina che produceva cannabis terapeutica.

“Samuel è morto nel luogo in cui lavorava – ha detto il vescovo durante l’omelia – ma Samuel non era solo questo. Era molto di più, un ragazzo che sapeva dire parole profonde, altre le ha espresse con il teatro, la musica  e l’amicizia.” La bara è stata portata in chiesa dagli amici con la foto del giovane sorridente posta ai piedi del feretro, lo skateboard del ragazzo portato in braccio dalla mamma Fiorella con accanto il marito Gaetano, fratelli, parenti, amici.

Tanta gente alla chiesa di Madonna del Ponte, forze dell’ordine, Vigili del Fuoco e i sindaci e rappresentanze delle amministrazioni comunali di Scheggia, Costacciaro, Sigillo e Fossato di Vico che si sono uniti a quello di Gubbio Filippo Stirati presente insieme al gonfalone listato a lutto. Accanto al presule alcuni dei parroci della vicaria, il titolare della parrocchia don Gabriele Pauletto, quindi don Pietro Benozzi, don Armando Minelli, don Mirko Orsini. All’uscita dalla chiesa palloncini azzurri e bianchi per Samuel sono stati lanciati in aria.

 
Chiama o scrivi in redazione



Scrivi in redazione

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Font Resize
Contrast